Titolare
Dr. Guido Lumia
Via Flaminia 395
00196 Roma
Tel. 06.3220504
Fax 06.3220568

Contatti

PEC Posta Certificata



logo

AREA LEGALI

Egregi Avvocati, se avete intrapreso o state per intraprendere una causa per la cui risoluzione e quantificazione monetaria necessita o necessiterà un approfondimento di natura contabile (valutazioni, determinazione danni, ricostruzione rapporti contabili, verifiche bilanci, calcoli complessi di interessi etc. etc.) allora rivolgervi al Dr. Guido Lumia ed al suo Studio potrebbe essere un'ottima idea.

Infatti la specializzazione del Dr. Lumia nelle consulenze tecniche prestate in campo “civile” sia in sede stragiudiziale che in sede giudiziale frutto di enorme esperienza acquisita sul campo, potrebbe essere di grande aiuto per Voi e per i Vostri clienti; non esitate a contattarci sia telefonicamente (rif. a fine pagina) che via mail ove questa esigenza sia effettivamente sentita. I primi consulti, anche per un opportuno avvio di reciproca conoscenza saranno senza alcun impegno mentre in seguito ci sarà modo di concordare con i Vostri Clienti tariffe agevolate basate sulla tariffa professionale dei commercialisti e concretamente calibrate alle singole esigenze anche con i Vostri preziosissimi suggerimenti.

Quel che siamo in grado di offrirvi è certamente un beneficio d'immagine nei confronti della Clientela a cui potrete offrire, sia pur indirettamente, un servizio di grande competenza con l'ausilio di un esperto: spesso nel corso della nostra esperienza professionale abbiamo assistito a lamentele di legali insoddisfatti dell' esito di una consulenza tecnica perché il proprio cliente si era fatto assistere da un consulente di parte poco avveduto delle "tecniche giudiziarie" o semplicemente da un consulente molto impegnato in altre attività per cui l'incarico assegnatogli era considerato del tutto marginale; spesso questi professionisti che non sono in grado di offrire servizi sufficientemente validi in queste particolari situazioni sono gli stessi consulenti delle società clienti; sono professionisti certamente ben ferrati nel settore merceologico del Cliente, ma spesso non altrettanto nello specifico accertamento richiesto in sede giudiziaria, ma soprattutto non avvezzi alle regole tecnico-processuali vigenti nel corso di una Consulenza Tecnica di Ufficio.

Ebbene, rivolgendovi ad un Consulente specializzato come il Dr. Lumia il rimpianto di non avere fatto il massimo in queste situazioni tecnico-processuali certamente non ci sarà. Ovviamente l'apporto del professionista specializzato sarà tanto più utile e apprezzato economicamente dal Vostro Cliente quanto maggiore è l'importanza della vertenza in corso in rapporto alle cifre in gioco: mentre una causa da poche migliaia d'euro potrebbe davvero non giustificare un intervento specializzato nell'ottica costi-benefici, invece per le cause più importanti il vantaggio in termini di risultati finali potrebbe essere veramente assai consistente.

Segnaliamo oltretutto la possibilità, non a tutti nota, di esporre tra le spese di cui chiedere la condanna della controparte al rimborso proprio quelle della Consulenza Tecnica di parte, come riconosciuto dalla Suprema Corte di legittimità (Cassazione 26 Novembre 1975 n. 3946 e Cassaz. Sez. I Il giugno 1980 n. 3716). Ovviamente anche riguardo questi aspetti tattici e processualistici il Dr. Lumia usa uniformarsi comunque sempre ai preziosi suggerimenti dei legali con cui interagisce.



INCARICHI QUALE CONSULENTE DI PARTE

Il curriculum del Dr. Lumia è ampiamente esplicativo delle proprie attitudini ma appare opportuno qui di seguito anche delinerare ai legali che fossero interessati ad avvalersi nell'interesse della loro Clientela dei suoi servizi professionali il suo "modus operandi" nell'ambito degli incarichi ricevuti come Consulente di Parte.

Nomina nella fase che precede il giudizio

Spesso un legale ha necessità di fornire al proprio Cliente una valutazione di massima in merito agli esiti di un giudizio (ad es. risarcimento danni) che si intende intraprendere; e questo sia visto dal lato attivo (cioè prima di procedere all'eventuale atto di citazione) che dal lato passivo (ad es. in sede di trattative transattive volte a scongiurare l'avvio di una azione giudiziaria di controparte); per una corretta valutazione molto spesso un parametro decisivo è proprio la determinazione del "quantum": ed è in quest'ambito, proprio quando si tratta di procedere ad una determinazione, che può entrare in gioco la competenza del Dr. Lumia: normalmente egli, in base alle carte che gli vengono offerte può effettuare una valutazione di massima (se del caso anche con esperti del settore merceologico di riferimento ove trattasi di valutazioni di aziende) e soprattutto insieme al legale può contestualizzare, per tutte le decisioni del caso che ne possono derivare, tale valutazione con riferimento ad una eventuale pratica sostenibilità e concretizzazione (proprio in base alla sua esperienza professionale) in una eventuale futura consulenza tecnica di ufficio.

La consultazione in tale fase peraltro si dimostra spesso assai importante proprio per la valutazione congiunta da parte del legale e del consulente in ordine alle documentazioni che nell'interesse del cliente è opportuno produrre o meno in giudizio. Ad esempio nella propria esperienza professionale è capitato in alcune occasioni (parliamo delle cause attive in tema di anatocismo bancario) al Dr. Lumia di consigliare la produzione in giudizio non solo degli estratti conto bancari, ma anche dei bilanci societari al fine di predisporre il giudizio non solo per la richiesta di restituzione di interessi, ma anche per la richiesta di danni aggiuntivi; richiesta di danni aggiuntivi che ovviamente è stata oggetto di CTU nel corso del giudizio, in quanto oggetto di domanda introduttiva già opportunamente supportata da documentazione.

Al contrario vi sono situazioni inverse in cui la produzione di documentazioni potrebbe essere controproducente alla difesa tecnica in caso di consulenza tecnica di ufficio. Ma le esperienze del dr. Lumia in tema sono molteplici e certamente può affermarsi che le valutazioni devono poi essere svolte con riferimento a ciascun caso specifico.

Peraltro è evidente che la massima cura anche da un punto di vista tecnico-contabile della fase preparatoria di una causa si rileva strategica per l'avvocato soprattutto in un'epoca nella quale la legislazione tende a favorire gli accordi preliminari (mediazione) o ad accellerare i procedimenti giudiziari (rito sommario nel processo civile). In tali casi un'ottima consulenza di parte preliminare può essere un vantaggio difficilmente colmabile dalla controparte.


Nomina nel corso di un giudizio già avviato ma precedente all'assegnazione dell'incarico al Ctu.

Ove il Dr. Lumia sia investito della consulenza a giudizio già avviato nella fase che precede la consulenza tecnica sarà sua cura concordare con il legale la strategia giusta per pervenire, sulla base dei documenti in atti al miglior quesito da assegnare al ctu nominando; valutare se convenga o meno insistere per l'attribuzione in sede di conferimento d'incarico al Ctu di poteri particolari di indagine e di acquisizione di documentazioni o quant'altro; ovviamente ogni singola situazione dovrà essere valutata nel singolo contesto riferito alla specifica vertenza; ed è perfino inutile sottolineare che i professionisti che usualmente calcano le aule di tribunale sono anche in grado di sintonizzarsi al meglio anche rispetto al modus operandi del singolo magistrato.

Ovviamente in tale fase il legale avrà già consegnato le documentazioni salienti al Ctp per uno studio appropriato ed approfondito della questione.


Nomina successiva all'assegnazione dell'incarico al Ctu

Molto spesso accade che il Consulente di parte sia incaricato solamente dopo che è stata già disposta la Consulenza di ufficio ed assegnati i quesiti.

In tal caso il Dr. Lumia usa richiedere al legale la consegna di copie salienti delle documentazioni relative alla consulenza tecnica contabile disposta, ovvero le richiede direttamente al Ctu; prende contatti con il Ctu in vista della riunione di inizio delle operazioni peritali e già nel corso della medesima presenta una prima nota peritale metodologica generica o specifica, a seconda delle circostanze, riservandosene ulteriori; ma è a partire da questo momento che l'esperienza professionale gioca un ruolo determinante; il Dr. Lumia in tale fase conosce meglio il Ctu già nominato (ove non sia a lui già conosciuto, ipotesi non infrequente) e usando il proprio "fiuto professionale" mette in atto la sua miglior strategia tecnico-processuale; non tutti i consulenti che ci si trova di fronte sono uguali: per esempio alcuni possono essere molto esperti, altri invece "novelli" del mestiere ma molto scrupolosi, altri poco informati e poco accorti riguardo alle regole processuali; comunque per ciascuna tipologia di consulente ci si trovi di fronte il Dr. Lumia è certamente in grado di assumere (ove possibile in accordo con il legale ed il cliente) l'atteggiamento più confacente agli interessi del proprio assistito.

Di fatto la consulenza tecnica di parte potrà svolgersi come supporto, pungolo all'attività del Ctu con note endo-peritali e una nota critica finale ove l'elaborato finale del Ctu, direttamente depositato, ovvero trasmesso in bozza ai sensi del novellato art. 195 3° comma Cpc, non sia pienamente soddisfacente, ovvero potrà procedere in parallelo rispetto all'attività del consulente di ufficio con la predisposizione di una relazione di parte finale alternativa; molto spesso si opta per soluzioni intermedie e sempre comunque con una relazione finale al legale ed al cliente in merito all'attività svolta.


Nomina successiva all'incarico espletato dal Ctu

Non è mai troppo tardi per chiamare il Dr. Lumia come consulente di parte. Anche dopo il deposito della relazione finale del Ctu, purchè nei termini assegnati dal magistrato, è possibile redigere note critiche al lavoro del Ctu e se ne esistono i fondamenti insistere con energia perchè sia chiamato a chiarimenti e ad integrazioni del suo elaborato. Ovviamente lo studio delle carte che il legale gli avrà passato, sarà più rapido e superficiale rispetto ai casi precedenti, ma la nostra esperienza professionale ci ha insegnato che in alcuni casi di consulenze tecniche assai malfatte e soprattutto mal condotte da un punto di vista processuale un intervento critico successivo (in specie se svolto entro la prima udienza successiva al deposito dell'elaborato) ha fornito i suoi effetti per smontare l'esito della Ctu talvolta in primo grado e spesso in sede di riforma delle sentenze che su di essa si basavano in appello o in cassazione.


Casi eccezionali: consulenze con documentazione ingente

Ove ci si trovi di fronte a consulenze tecniche di parte di grande importanza e da svolgersi con massiccio impegno su ingente mole di documentazione ovviamente non è sufficiente un sintetico preventivo da offrire al cliente ma necessita un vero e proprio piano di lavoro che descriva l'organizzazione prevista e con riferimento ai costi necessari per collaboratori, macchinari e quant'altro possa fornire una indicazione motivata dell'onorario complessivo richiesto per la prestazione professionale che si va ad offrire.




ALTRI INCARICHI DI COMPETENZA DEL DR. LUMIA COME CONSULENTE DI PARTE

Alla luce della propria esperienza il Dr. Lumia si rende disponibile anche a consulenze in sede fallimentare, in sede pre- fallimentare ove sia richiesta la redazione e l' asseverazione di piani di ristrutturazione aziendale; in sede di amministrazioni giudiziarie, di ispezioni giudiziarie, di custodie giudiziarie quale perito ed esperto di parte; in incarichi similari nei quali l'essere un commercialista in qualche modo avvezzo ad operare nel settore delle controversie giudiziarie possa rivelarsi utile.

 

Sito conforme alle specifiche XHTML 1.0 del W3C Sito conforme alle specifiche CSS 2.0 del W3C